3° Settennio

Il giovane dopo la pubertà

La capacità di pensiero e di giudizio ora pienamente desti nei giovani  richiedono alimento e possibilità di azione in compiti che impegnino la ragione e la logica. Vi è in loro il desiderio di stabilire un rapporto cosciente e autonomo con l'ambiente che li circonda ed è perciò necessario offrir loro un contatto costante con la vita pratica e con le acquisizione della tecnica moderna.

D'altra parte la loro ricca e tempestosa vita interiore (latente nel ragazzo ancor più che nella ragazza) ha bisogno di stimoli attraverso la discussione e il dibattito dei problemi umani più profondi, considerati dai più diversi punti di vista per evitare atteggiamenti unilaterali.

Per superare le numerose difficoltà e gli ostacoli morali di questa età così piena di enigmi, di dubbi e di sorprese, in cui la coscienza cerca con sforzo di dominare il travolgente mondo dei sentimenti, è di grande aiuto l'attività artistica e manuale oltre che un insegnamento pervaso di fantasia, entusiasmo e sensibilità per l'arte.

Da "Il piano di studi della libera Scuola Waldorf" di Caroline von Heydebrand - Ed Filadelfia