La natura della sostanza - 7° incontro

LA NATURA DELLA SOSTANZA

Gruppo di studio - 7° INCONTRO

 

Quale scienza per i giovani d'oggi?

Come arrivare fenomenologicamente ad osservare la presenza di carboidrati e di proteine nella sostanza?

Osserviamo il viraggio del colore della stessa sostanza con un reagente: il solfato di rame CuSO4 + soda diluito e aggiunto nella quantità di due pipette 1) all'acqua, 2) all'acqua + zucchero bianco, 3) all'acqua + zucchero di canna, 4) all'acqua + latte 5) all'acqua + amido.

Gli esperimenti sono stati fatti ponendo le beute su una retina spargifiamme al calore di una bomboletta da campeggio.

Nel primo caso la diluizione si scompone e l'acqua lascia intravedere già prima dell'ebollizione la formazione di cristalli blu cobalto che permangono anche raffreddandosi.

Nel secondo caso il liquido azzurro man mano che si riscalda prende un colore opalescente, si schiarisce, emerge il colore verde e poi devia verso il giallo ambra dopo l'ebollizione.

Nel terzo caso già nel mescolare il solfato di rame allo zucchero di canna sciolto in acqua si forma il verde che via via scaldandosi muta colore sempre più intenso, fino a che prima dell'ebollizione i cristalli verde malachite si trovano a galleggiare compatti su un liquido giallo ambra e dopo, con l'ebollizione, si rimescolano lasciando un colore ambrato al liquido miscelato.

Nel quarto caso il colore azzurrognolo iniziale riscaldandosi inizia a virare verso il viola e con l'ebollizione devia verso un rosa antico traslucido.

Nel quinto caso l'amido con il calore, mantenendo un lieve colore azzurrognolo, prende con il calore la sua caratteristica di colla traslucida.

Cerchiamo via via che procediamo di registrare anche gli odori.

Questa modalità qualitativa di accostarci al fenomeno, rimane la modalità da utilizzare con i ragazzi nella scuola, aiutandoli a registrare sempre più esattamente i dati, che dovranno essere ripetibili, per la ricerca del fenomeno-tipo che si lascia contemplare come fenomeno semplice.

La modalità è agevole. Goethe ci dice che "nei colori chimici il giallo e il rosso-giallo si orientano verso gli acidi, l'azzurro e il rosso azzurro verso gli alcali".

L'esperimento di rilevazione tramite il colore della presenza di azoto è chiaramente un esperimento che porta con sé mille altre complessità, come la domanda sull'odore dei metalli.

Osservare la gamma di colori che può percorrere un metallo (in questo caso avevamo il rame nel solfato e il non metallo-zolfo) sotto l'effetto del calore è una esperienza che ci può veder manifestare tutta la gamma del cerchio di colore. Le manifestazioni cromatiche sono però instabili ed abbiamo fatto l'esperienza della continua variazione, sarà perciò necessario prendere un tempo adeguato per le osservazioni che possono essere fatte e per le registrazioni a scopo didattico.

Il prossimo incontro riprenderemo da pag. 61 a penetrare nella Musica nascosta degli elementi terreni cogliendo il ritmo delle ottave.

 

Manuela de Angelis e Anna Maria Caputo 

 

download del documento in pdf