Prima uscita botanica ad Allumiere

Domenica 6 novembre un gruppetto di coraggiosi si è incontrato ad Allumiere per inoltrarsi nel folto bosco di castagni e nell'atmosfera autunnale della natura. 


Malgrado il terrore diffuso dai bollettini meteo, gli impavidi muniti di impermeabili ed una buona dose di buon umore non hanno rinunciato ad una bella giornata trascorsa in compagnia all'insegna dell'osservazione del mondo vegetale e della percezione dei messaggi che da esso ci pervengono.

Alle ore 10 in molti erano già presenti all'appuntamento ed hanno approfittato dell'attesa di alcuni che si attardavano un po', per esplorare l'affascinate giardino della casa che ci ospitava. Il sole che fino a quel momento ci ha incoraggiati, al momento della partenza per il bosco si è nascosto dietro pesanti nuvole grigie, che non hanno tardato a sgrullarsi di dosso l'acqua addensata.

Tirati fuori impermeabili e cappellini, la passeggiata è proseguita soffermandoci sui momenti salienti di questa stagione, l'abbandono del vivente dalla parte aerea delle piante, l'inizio del processo della cenere nelle erbacee, il condensarsi del calore nelle bacche, l'attesa dei semi maturi su una pianta non ancora decisa ad abbandonarli al vento, la presenza dell'ortica accorsa a rimediare ai danni provocati dall'uomo. 

Il bosco ci ha rivelato inoltre interessanti misteri custoditi nelle viscere della terra esposte alla luce per intervento dell'uomo che li in tempi passati estraeva allume, utile fino al 1800 per fissare tinture e conciare pelli: stratificazioni di rocce di origine vulcaniche, trame e colori al limite tra il mondo vegetale e minerale. 

I bambini presenti incuranti della pioggia, anzi divertiti da questa avventura, muniti di stivaletti e mantelline, hanno scoperto morbidi lettini di muschio e piccoli anfratti, sicuramente accessi di minuscole dimore dei loro amici gnomi, alberi cavi e terre colorate. 

Al rientro nella grande casa bianca ci siamo riuniti per il pranzo. Riscaldati e rifocillati, poichè il sole era tornato a farci visita, abbiamo potuto sperimentare un momento di ascolto del respiro e di "quello" degli alberi grandi e possenti che ci circondavano offrendoci protezione ed ossigeno. 

Rientrati in casa davanti un fuoco scoppiettante, il gruppo si è quindi potuto dedicare ad un momento artistico, dove grazie ai colori e alle esperienze vissute durante la giornata, ogni partecipante ha cercato di esprimere quanto gli aspetti considerati, osservati, percepiti, scoperti ed intuiti  fin li avevano in qualche modo mosso qualcosa nella loro anima. 

Come sempre succede in queste esperienze i risultati sono incredibili, ed i prodotti artistici che ne scaturiscono portano un impronta indelebile di quanto l'immergesi nel mondo naturale influisca poi nell'espressione artistica. Anche i piccoli hanno potuto dedicarsi ad un'attività creativa a loro dedicata, utilizzando materiale naturale raccolto insieme durante la passeggiata. 

La giornata si è conclusa alle ore 17,30 dopo aver osservato e discusso sui lavori di ciascuno. 
Ringraziamo tutti quelli che hanno partecipato ed invitiamo chi lo desidera ad unirsi alle prossime uscite botaniche. 

Sonia e Lea